Rapporti intimi e addebito separazione

Non può addebitarsi la separazione alla moglie che rifiuta di avere rapporti intimi con il marito se è lui a creare un’atmosfera di tensione donna che dice fermamente di no a una proposta.
La Cassazione con l’ordinanza n. 4653 del 15 febbraio 2019 della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di un marito che, già in sede di appello, si era visto rigettare la domanda di addebito avanzata nei confronti della moglie. Non si può addebitare la separazione alla moglie che, per una malattia alla vescica, ma soprattutto a causa dei comportamenti del marito, si rifiuta di avere rapporti intimi. Nel momento in cui il marito non presta assistenza morale alla moglie e crea un’atmosfera piena di tensione, non può pensare che questo possa favorire una normale vita di coppia.